News

Wolfsburg, Stroot: “St. Pölten squadra con esperienza internazionale, noi siamo preparate a tutto”

20 Ottobre 2022 - 12:45


Parte questa sera l’avventura europea del Wolfsburg, che dopo aver raggiunto la Semifinale nella scorsa edizione punta a ripetersi anche in questa stagione a comiciare dalla gara odierna contro le austriache del St. Pölten. Tommy Stroot, tecnico della formazione tedesca, ha così analizzato l’incontro ai microfoni del club:

“La situazione della rosa? Felicitas Rauch è risultata nuovamente negativa, ma domani non sarà con la squadra. Procederemo con cura al suo recupero, anche in vista del fine settimana. Katarzyna Kiedrzynek è ancora assente. Marina Hegering si è allenata con il gruppo, ma non sarà della partita, era ancora un po’ presto. Per il resto tutte le ragazze sono disponibili e le inseriremo tutte in rosa.”

“Per me il St. Pölten è una vecchia conoscenza, abbiamo giocato contro di loro con il Twente in Champions League e siamo passati di turno. Ho riconosciuto molti nomi delle loro giocatrici perché sono ancora lì, questo la dice lunga sul St. Pölten. Sono rimaste molte giocatrici nel corso degli anni e continuano a produrre giovani talenti. Ma ci sono anche giocatrici come Jasmin Eder che scelgono di tornare. È una squadra con esperienza internazionale che ha dovuto affrontare una difficile qualificazione ai gironi. E lo hanno fatto con grande merito.”

“Il St. Pölten ci avrà studiato nei minimi dettagli. Ma cosa ci aspetta è difficile da prevedere. Stiamo cercando di cambiare qualcosa. L’anno scorso molte squadre hanno giocato con coraggio contro di noi, hanno voluto approfittare della nostra ricostruzione. Ora le squadre si adattano di più a noi e si allontanano dal loro stesso gioco. Questo rende più imprevedibile per noi capire che tipo di squadra affronteremo. Una situazione nuova, ma che ci permette anche di concentrarci ancora di più sulle nostre qualità. Quindi siamo preparati per tutte le evenienze, ma altrettanto flessibili se le cose vanno diversamente da come pensavamo.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *