News

TCF ‘Speciale Villorba’ – Pres Rodelli: “Sono cresciuta amando l’Inter ora vorrei costruire qualcosa di bello a Treviso”

21 Luglio 2022 - 16:30


E’ cresciuta a pochi chilometri dalla Pinetina. Innamorata del pallone e dell’Inter. Sabrina Rodelli, presidentessa del Villorba Femminile neo promosso in Serie C, ha anche vissuto una breve esperenza da calciatrice. “Una piccola parentesi della mia lunga avventura da donna di sport. Ruolo? Attaccante. Poi, però sono stata dirottata verso discipline al chiuso. La pallavolo, ad esempio, dove ho ottenuto anche risultati importanti. Ma il calcio è il calcio”.

Il pallone è tornato ad essere un affare di famiglia quando ha sposato Settimo Pizzolato. Lui è da sei anni il presidente del Villorba maschile che oggi milita in Promozione. Sabrina, invece, è diventata presidentessa dell’anima femminile del club.

“La mia sfida è partita da alcune calciatrici che definirei storiche. Parlo del difensore Alice Veneziani, della centrocampista Deborah Ghezze e e di un altro difensore e cioè Emma Vento. Siamo partiti con un progetto serio. E anche ambizioso. Già nella passata stagione avevamo messo nel mirino la promozione in Serie C. Che abbiamo soltanto sfiorato”.

Il Villorba è strutturato con grande serietà.

“Come se fosse un’azienda. Con ruoli chiari. Cerchiamo anche di fare rete con il territorio. Anche con società che operano in altre discipline sportive”.

I momenti chiave della vostra cavalcata vincente?

“Non ci crederà ma la prima sconfitta è stata importante. Contro il Maerna. Da quel momento negativo è nata una mentalità giusta. Una reazione che ha cementato un gruppo fantastico”.

Una vittoria invece speciale?

“Il successo in Coppa Italia. E non posso certo dimenticare i festeggiamenti il giorno della promozione in Serie C”.

Le vostre scelte hanno pagato.

“Anche quelle di mercato. Gli inserimenti che abbiamo fatto nel mercato di un anno fa hanno dato risposte positive. Le nuove calciatrici si sono messe subito al servizio della squadra”.

TCF (1 – segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *