News

TCF ‘Pagelle Milan’ – Asllani illumina, Bergamaschi sempre pronta

24 Settembre 2022 - 16:00


Ecco le pagelle del MILAN di Tutto Calcio Femminile.

GIULIANI 7 – Il Parma attacca con poca continuità, ma quando si fa vedere dalle sue parti, le risponde presente con grandi riflessi. Porta a casa il primo clean sheet stagionale.

ARNADOTTIR 6,5 – Robusta e precisa, partita più che sufficiente

FUSETTI 6 – Rischia un autogol nel primo tempo, da centrale di difesa non è perfetta ma la sufficienza la raggiunge

MESJASZ 6,5 – Tosta e sempre in posizione, difficile da superare la polacca

SOFFIA 5,5 – Non la prova più brillante della giovane italiana, lascia il campo al 60′

BERGAMASCHI 7 – Apre la gara con un tocco sotto misura, prima Capelletti le aveva negato la rete di testa. Sempre imprendibile quando accelera, un fattore decisivo per le rossonere

ADAMI 7 – Non doveva giocare, alla fine è una delle migliori. Dal suo destro sulla traversa comincia la goleada rossonera. Importante filtro tra attacco e difesa.

K. DUBCOVA 6,5 – La ceca gioca a tutto campo e alla fine viene premiata la sua prestazione con una rete. 

THRIGE 7 – Spina nel fianco a sinistra, va avanti e indietro sulla fascia senza sosta. Ci mette pure la rete all’inizio della ripresa.

THOMAS 5,5 – Perde il duello personale con Capelletti, sia dal dischetto che in movimento. Nota stonata nel reparto offensivo di Ganz oggi.

ASLLANI 7 – Illumina il Tardini con una perla che vale il secondo centro in Serie A. Dai suoi piedi educati passano tanti palloni e la svedese li dispensa tutti perfettamente.

ENTRATE

TUCCERI 6,5 – Il suo mancino educato consegna a Dubcova la possibilità di fare centro. Entra bene, con la giusta motivazione.

VIGILUCCI 6 – Mette in campo il proprio dinamismo e la sua ecletticità

CARAGE S.V.

M. DUBCOVA S.V.

ALLENATORE

GANZ 6,5 – Il Milan infila il secondo successo consecutivo e “vede” le principali antagoniste in classifica. Le rossonere convincono sin da subito e spingono forte mettendo il Parma alle corde, senza farlo uscire quasi mai dall’angolo.

Marco Cicali


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *