News

Spezia, incontro per lo sviluppo del calcio femminile in Arabia con Rehab Abdulla Saeed Al Harity

12 Novembre 2022 - 08:00


Un interessante progetto è stato promosso negli ultimi giorni dallo Spezia Calcio Femminile. La realtà ligure ha infatti ospitato Rehab Abdulla Saeed Al Harity, delegata per lo sviluppo del calcio femminile negli Emirati Arabi Uniti, dove il club vorrebbe promuovere la creazione di un’Academy dedicata alle ragazze dagli 8 anni in su, per favorire anche la crescita dello sport in rosa nel Paese arabo.

Diverse sono state le personalità a dire la propria durante l’incontro. Queste le dichiarazioni della stessa Rehab: “Vogliamo creare nuove opportunità per lo sport femminile negli Emirati e crediamo che l’Italia possa darci diversi spunti. I Paesi arabi sono molto interessati agli scambi culturali, politici ed economici in questa fase storica. Dal punto di vista calcistico dobbiamo darci una stabilità nelle regole e nelle persone a capo di federazioni e comitati per garantire un periodo di sviluppo. Soprattutto nelle città più piccole, a 16 o 17 anni molte ragazze vengono date in spose dalle famiglie e da quel momento non sono più libere di scegliere se fare le sportive. C’è una componente del Paese che vuole mantenere un distacco tra il calcio maschile e quello femminile in termini di possibilità di sviluppo. Occasioni come quella che cerchiamo a La Spezia creano i presupposti per un cambiamento”.

Queste invece le parole del responsabile dell’Academy, Nicolas Rognoni: “Gli Emirati sono un Paese affascinato dagli stranieri, dall’europeo che porta idee nuove. Dal punto di vista sportivo c’è un gap di vent’anni rispetto all’Italia che noi crediamo di poter colmare per portare calciatrici arabe in Italia il prima possibile. E viceversa”.

Ed infine ecco il commento del Coordinatore Generale dello Spezia Calcio Femminile, Stefano Senese: “Presto andremo a costituire un comitato di progetto per definire tutte le possibilità operative sport, turismo e economia. Un team con tre persone individuate dal Comune della Spezia e tre ad Abu Dhabi, che definirà come muoversi”.

TCF


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *