News

Sassuolo, Prep Nuzzo: “Con Lemey fatto un grande lavoro. Lauria, Lugli e De Bona hanno una gran voglia di migliorarsi”

15 Giugno 2022 - 17:45


Uno dei segreti delle grandi annate del Sassuolo Femminile sta sicuramente nel suo preparatore dei portieri, Raffaele Nuzzo, vincitore per due volte del premio di migliore di categoria nel femminile. In neroverde da diversi anni, Nuzzo ha raccontato a canalesassuolo.it le sue valutazioni sulle estreme difensori emiliane, a cominciare da Diede Lemey, la migliore in porta del 21-22:

“Credo che la cosa più importante sia il lavoro svolto insieme a Diede. Ci eravamo posti degli obiettivi che abbiamo in parte raggiunto, tutti insieme, col mio gruppo portieri, migliorandoci l’un l’altro, io compreso. La strada è ancora lunga però. Tutti con i piedi per terra e continuare a lavorare bene perché la Società Sassuolo ci mette a disposizione tutti gli strumenti per raggiungere gli obiettivi fissati. Per quanto riguarda Lauria, fin da piccola conoscevamo le sue potenzialità, già quando militava nelle file del Bologna. L’obiettivo era quello di portarla a migliorarsi sempre di più e non c’era posto migliore che la Società Sassuolo per farla crescere e maturare. Come per Diede, l’obiettivo per lei era quello di ritrovare la Nazionale. Obiettivo raggiunto”.

“Lugli invece è una professionista molto disponibile e una grandissima lavoratrice ed è soprattutto umile e con la voglia di migliorarsi sempre. Si è già tolta delle belle soddisfazioni, vincendo alcuni campionati e uno di questi proprio con noi a Sassuolo. Un portiere di elevata serietà e affidabilità. Con De Bona il discorso è simile a quello fatto con Lauria. Da quando è arrivata alla Società Sassuolo, 2 anni fa, è molto cresciuta ma essendo così giovane e talentuosa ha ancora ampi margini di miglioramento. Un portiere di assoluta prospettiva futura sia fisica che tecnica”.

“Io amo lavorare nella serenità più assoluta, se possibile. Ci sono momenti in una stagione dove la variabile emotiva può giocare un fattore importante, specialmente nel ruolo del portiere. Credo che se si sono raggiunti risultati importanti, è dovuto anche ad un ambiente relativamente tranquillo ma professionale, determinato quando le circostanze lo richiedono”.

TCF (1- segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *