News

Sassuolo, Piovani: “Vogliamo finire nella parte sinistra della classifica, la Juve la squadra da battere”

23 Agosto 2022 - 09:16


Tecnico del Sassuolo Femminile, Gianpiero Piovani ha parlato sulle pagine di Calcio Femminile Italiano, presentando la propria squadras e facendo conseguentemente un’analisi sul prossimo campionato di Serie A. Queste le sue dichiarazioni:

“Dopo che il Brescia ha ceduto, nel 2018, il titolo sportivo al Milan, mi hanno cercato due squadre, tra queste vi è il Sassuolo, e ho scelto di venire qui, perché è una società solida e in crescita. Mi ha entusiasmato sin da subito il progetto, permettendomi di lavorare con le giovani. Se sono qui da cinque anni vuol dire che ho lasciato una bella impronta.”

“Abbiamo ceduto dodici giocatrici, di cui almeno sette erano titolari, e sono arrivate all’incirca quattordici calciatrici. Ho avuto la fortuna di tenere Filangeri, Dongus, Philtjens e Clelland, ma conto di avere il recupero di Orsi e Tomaselli. Ho chiesto alle ragazze sin da subito grande attenzione, perché affronteremo un campionato difficile rispetto agli scorsi anni, non solo perché è diventato professionistico, ma dal fatto che il livello si è alzato. Quindi dobbiamo essere pronte per centrare la salvezza, ed essere brave ad essere nella parte sinistra della classifica.”

“La prima con la Samp? La Sampdoria, bene o male, ha tenuto il gruppo dello scorso anno, con innesti importanti, come Cedeno, una delle poche ad aver segnato per il Verona nella stagione precedente, la francese Gago, che è molto talentuosa e veloce, dietro hanno presto Pettenuzzo e Oliviero, con quest’ultima che era con me al primo anno al Sassuolo.”

“La Juve rimane la squadra da battere, però credo che sia il Milan che la Roma abbiano investito parecchio, poi ha lavorato molto bene la Fiorentina, e anche l’Inter, dopo gli ultimi acquisti fatti, ha dato un’accelerata importante.”

“Sono fiducioso e lavoro sempre per ottenere delle cose positive. Credo che il materiale umano che mi è stato messo a disposizione sia molto importante per fare bene. Abbiamo un gruppo solido, ma siamo anche una famiglia, che è la filosofia del Sassuolo.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *