Roma, Bavagnoli: “Non sono contenta ma abbiamo creato tanto. La mentalità a volte manca”


La Roma a San Gimignano ha trovato un pareggio su un campo molto difficile sul quale praticamente tutte le squadre hanno faticato.

Betty Bavagnoli si presenta comunque ai microfoni di Roma TV con un pò di amaro in bocca per non aver trovato i tre punti:

 “Non è arrivata la vittoria e quindi non siamo contente, anche se abbiamo fatto 75 minuti nella loro metà campo. Abbiamo creato tanto. Ci è mancato il cinismo, la cattiveria agonistica sotto porta. Però il calcio è anche questo.

Ci stiamo preparando per un finale di stagione molto importante. Abbiamo ancora due partite fondamentali e poi una finale che ci siamo conquistate grazie a un percorso di grande crescita. E non voglio permettere a niente e a nessuno di rovinarcelo”.

“Dopo sette mesi è tornata in campo Giada Greggi e sono felicissima di averle dato questa possibilità. Ci aiuterà tanto, perché ha quella grinta e quel recupero palla importanti per una calciatrice. Oggi ha fatto solo il primo passettino di tanti”.

“Non ho ancora rivisto il replay, ma non commento il rigore: se una squadra passa 80 minuti nella metà campo avversaria non mi vado ad appellare a un rigore, agli episodi. Alle ragazze ho detto che questa frenata non deve interrompere il nostro percorso. Di sicuro, dobbiamo lavorare su alcuni dettagli. Oggi per esempio abbiamo battuto tanti calci d’angolo: dobbiamo diventare più determinate in questa situazione di gioco. E poi dobbiamo riuscire a far girare la palla più velocemente, come all’inizio del secondo tempo. Se avessimo giocato come sappiamo, avremmo portato a casa i tre punti”.

“Una crescita di mentalità è la cosa che sto chiedendo loro. La squadra ha dimostrato di poter affrontare qualunque avversario, ma l’unico che può metterci in difficoltà è la nostra convinzione nell’andare a prenderci le partite. Anche oggi, lo abbiamo fatto bene, ma non dobbiamo concedere niente. Nemmeno un dettaglio. Dobbiamo continuare a lavorare su questo”.