News

Roma, Bartoli: “È la partita più importante, ogni anno alziamo il livello e l’asticella”

29 Settembre 2022 - 10:20


Capitano e leader emotivo della Roma Femminile, Elisa Bartoli ha parlato alla vigilia di quella che potrebbe rappresentare una sfida storica per la formazione giallorossa. Le capitoline si giocheranno infatti la qualificazione ai gironi di Champions contro lo Sparta Praga, dopo la vittoria per 2-1 dell’andata. Queste le dichiarazioni del terzino:

“Il calore di Roma si percepisce. Vedo gente arrivata da un anno che sembra stia qui da anni. Roma coinvolge, appassiona, il calore si fa sentire con forza. Posso solo dire di rimanere umili, avere coraggio, avere la fame per portare a casa i tre punti. Pensiamo giorno per giorno. Ci vuole umiltà per voler crescere.”

“Lo stadio sarà pieno, speriamo il maltempo non arrivi. Ottenere la qualificazione ai gironi nel primo anno è un risultato importante e fondamentale. Quindi sì, ad oggi è la partita più importante. In questi ultimi 5 anni siamo cresciuti molto. Anche l’essere arrivati tra le prime 8 al Mondiale ci ha consentito di crescere. Il pienone è una grande soddisfazione, cresce anche la velocità del calcio in campo, si migliora giorno dopo giorno. Ci avvicineremo sempre di più al maschile dal punto di vista tecnico e dell’intensità”.

“Noi cerchiamo di fare il nostro gioco, il palleggio, la nostra idea e cercheremo di farlo anche in Europa. Se dovessimo arrivare ai gironi, ci potremo divertire. In spogliatoio cerchiamo di stare tranquille, facciamo il massimo ogni giorno per preparare le gare. Ci sta un pochino di tensione, ma dobbiamo stare tranquille. Ogni anno alziamo il livello e l’asticella. Le giocatrici che arrivano dall’esterno ci portano esperienza, dedizione al lavoro, parlare poco e lavorare sul campo.”

“Sensazioni? Un sogno che si avvera. Qualcosa di unico, straordinario, speriamo si possa arrivare il più lontano possibile. Ora ci concentriamo solo sulla gara, se poi dovessimo qualificarci, almeno una cenetta la faremmo sicuramente.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *