News

Prep Nuzzo a CS: “Gap con le big colmato con competenza e programmazione, il professionismo doveva arrivare anche prima”

15 Giugno 2022 - 18:00


Raffaele Nuzzo, preparatore dei portieri del Sassuolo Femminile, ha concesso un’interessante intervista a Canalesassuolo.it in cui ha analizzato la stagione delle neroverdi, ponendo anche l’accento sul momento del calcio femminile in generale. Ecco le sue dichiarazioni:

“Bilancio di quest’anno? Il bicchiere è mezzo pieno nonostante tutte le difficoltà che si sono presentate durante la stagione. Qui è stata percorsa la stessa strada del Sassuolo maschile, con obiettivi ben precisi e con una programmazione ben definita e delineata. In base a ciò, ci sono stati in questi anni dei grandi miglioramenti, dovuti ad una Società che sa quello che vuole. Il gap con le big è stato colmato grazie al lavoro di persone altamente qualificate, come Mister Gianpiero Piovani e il nostro Direttore Alessandro Terzi, che hanno saputo capire le necessità della squadra e risolvere eventuali problematiche prima che sorgessero. Il mio futuro prossimo è in questo club, ho l’obiettivo è qualificarmi sempre di più per dare il meglio di me stesso ai miei portieri ed alla Società stessa”.

“Sono 11 anni che alleno nel femminile, dove ho imparato molto stando alla finestra e rendendomi conto che le calciatrici sono vere e proprie professioniste. Lo sono sempre state ed è giusto che gli sia riconosciuto questo ruolo. Anzi sarebbe dovuto avvenire già anni prima. In ogni caso, penso che nel calcio femminile si stia facendo tanto, con il movimento in grandissima crescita. Continuando così, tutti gli aspetti che non sono ancora stati presi in considerazione, verranno presto colmati. Gap con il resto d’Europa? I nostri portieri italiani non hanno nulla da invidiare ai portieri europei. Gli ultimi mondiali ne hanno dato la prova. In Europa però, ci sono portieri altrettanto preparati”.

TCF


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *