News

Pomigliano, Ds Violante a TCF: “Siamo gli unici rappresentanti del Sud. Mister Romaniello è un valore, abbiamo cercato il giusto mix tra gioventù ed esperienza”

14 Agosto 2022 - 07:40


ll nuovo direttore del Pomigliano Salvatore Violante ha lavorato in maniera profonda sul mercato, Ecco cosa ha raccontato alla trasmissione “Tutto Calcio Femminile”.

“Il primo passo è stato quello di individuare la giusta figura tecnica. La scelta dell’allenatore è stata dettata dalla volontà di costruire un progetto tecnico di qualità. Anche il nostro nuovo mister non viene dal femminile. Mister Romaniello ha lavorato alla Casertana, al Melfi. Io l’ho incrociato quando ero responsabile quando nell’area scouting al Benevento e lui allenava la Primavera. Ci siamo conosciuti durante qualche amichevole infrasettimanale. Abbiamo chiacchierato di calcio. Quando sono arrivato a Pomigliano ho cercato un allenatore che avesse le qualità morali del Presidente Pipola e le giuste competenze del tecnico. L’idea Romaniello si è concretizzata in pochissimo tempo”.

“Il mister sta incidendo con la sua bravura in campo. Grazie anche allo staff che gli abbiamo messo a disposizione. Il secondo è Gerardo Alfano, professionista per tanti anni è stato anche mio calciatore, Verdicchio è il preparatore dei portieri e poi c’è Corrado Saccone che è stato otto anni nel Napoli di Benitez e Sarri, poi ha lavorato all’estero in Albania. Lui in passato ha lavorato in una squadra femminile di basket. Sono molto contento dello staff e delle calciatrici. Siamo in fase di completamento della rosa della squadra”.

“Se ho lavorato bene in Brasile acquistando Verena? Si sono presentate delle opportunità. Sono contento delle ragazze confermate, di chi è rimasto e delle giovani. Abbiamo pensato di costruire un giusto mix. Non abbiamo alle spalle un grande colosso industriale come Juve, Sassuolo, Roma, Milan, Inter. Tutto quello che facciamo nella nostra società grava sulle spalle del Presidente che fa tanti sacrifici”.

“Siamo orgogliosi di poter dire che rappresentiamo tutto il Sud Italia. Se non ci fossimo noi non si potrebbe parare di campionato italiano ma di campionato del centro Nord”.

TCF (2 – segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *