News

Parma, Silvioni: “Dobbiamo ricompensare il Presidente Krause per tutto ciò che ci sta dando”

28 Novembre 2022 - 11:20


Ludovica Silvioni, centrocampista del Parma Femminile, è intervenuta nel corso della trasmissione “Palla in Tribuna” su Radio Parma. La giocatrice crociata ha parlato cosi dei suoi inizi col pallone, dell’inizio di stagione della squadra e dei suoi sogni: “Lunedì sera alle 19 allo stadio Tardini ci sarà Parma-Inter: io purtroppo non ci sarò poiché infortunata. Sabato scorso, con la Juventus, non siamo riusciti a portare a casa i punti che volevamo, ma rimaniamo comunque contente della prestazione che abbiamo fatto sul campo e cerchiamo di prendere quello di buono che abbiamo fatto. L’inizio di stagione è stato un po’ difficile: siamo una squadra nuova che sta cercando di giocare insieme il più possibile. Prendiamo di mira l’ultima prestazione, che è stata quella più importante, e cerchiamo di continuare così, portando a casa dei punti che sono quelli che ci servono per centrare il nostro obiettivo.”

“La mia passione per il calcio è nata grazie a mio fratello, perché giocavo con lui in cortile. Ho fatto i primi anni a Perugia, poi sono stata due anni alla Juventus, dove ho fatto due anni di Primavera e poi ho fatto la prima esperienza in Serie A a Bari ed è stata molto utile perché da giovanissima (classe 2002) ho messo piede in campo nella massima serie. L’anno scorso sono passata per Empoli ed ora sono in questa grande società. Il giocatore di calcio maschile cui mi ispiro è Marchisio: lui è il mio modello e lo seguivo fin da piccola”.

“Sto seguendo i Mondiali e la squadra favorita per me resta l’Argentina, nonostante la sconfitta con l’Arabia Saudita io ci credo ancora: è una grandissima squadra e secondo me ci riuscirà. Le soddisfazioni che si sta togliendo l’Italia Femminile sono proprio quello che ci servivano, perché siamo state tenute da parte per molto tempo e ora, appunto, ci stiamo togliendo qualche piccola soddisfazione”.

“Il professionismo nel calcio? Dobbiamo ringraziare le colleghe che ci erano passate precedentemente, che hanno combattuto per fare sì che questo movimento diventasse un vero e proprio lavoro e ora noi dobbiamo continuare su questa strada, a testa bassa, per far sì che cresca sempre di più. Noi lo stiamo proprio vivendo sulla nostra pelle: il Presidente ci fa sentire allo stesso livello dei maschi e siamo più che onorate di giocare nel grandissimo stadio Tardini e lo dobbiamo ricompensare per tutto quello che ci sta dando. Lui ci ha fatto una grandissima impressione: appunto ci fa sentire allo stesso livello dei maschi, non ci fa mancare nulla e soprattutto ci fa sentire il suo sostegno, pur essendo lontano. E’ venuto spesso a vedere le nostre partite: siamo molto contente”.

“l sogno nel cassetto? Vincere un Mondiale o la Champions League sarebbe proprio il massimo. In Nazionale ho giocato sia in Under 17 che in Under 19 e l’anno scorso ho fatto pure qualche raduno con la 23: vestire l’azzurro è sempre una emozione speciale..”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *