News

Lucchese, Cotrer: “Qui per la voglia di sentire nuovi stimoli, voglio fare bene ed essere di aiuto alla squadra”

13 Novembre 2022 - 14:40


Giulia Cotrer, centrocampista offensiva classe ’99 da quest’anno in forza alla Lucchese Femminile, si è raccontata sulle pagine di Calcio in Rosa parlando delle motivazioni che l’hanno spinta a scegliere il progetto delle rossonere condividendo inoltre i suoi obiettivi futuri. Queste le sue dichiarazioni:

“Ho iniziato a tirare i primi calci ad un pallone all’età di 5 anni, invogliata da mio padre, ex calciatore che mi portava a vedere le partite dell’Udinese allo stadio ed in televisione. Dopo aver iniziato il percorso con i maschietti del Tavagnacco, sono approdata nel settore femminile della stessa società friulana, iniziando la trafila dalle giovanissime fino ad esordire in Serie A con la prima squadra. In seguito ho militato nell’Empoli, Cesena, Filecchio e Pistoiese.”

“Perché la Lucchese? La voglia di sentire nuovi stimoli, la possibilità di poter giocare in una realtà che mi desse la possibilità di poter conciliare gli impegni universitari nonché la circostanza di poter ritrovare in squadra diverse compagne di gioco dei tempi del Filecchio ha fatto la differenza”.

“I momenti più belli e bui vissuti in carriera? Una rete siglata la scorsa stagione con dedica speciale al mio ragazzo che era presente sugli spalti a seguirmi è stato indubbiamente un ricordo assai piacevole. Ho dovuto superare, inoltre, nel corso della carriera diversi infortuni che mi hanno indubbiamente limitato la continuità nel rendimento, ma non di certo fermato la voglia e la determinazione di rialzarmi e continuare a giocare.”

“Negli anni sono sempre stata trattata con rispetto ed allo stesso modo dei ragazzi, sin da quando ho iniziato il mio percorso. Resta la considerazione di fondo che una ragazza che gioca a calcio non deve risultare una persona strana in quanto è naturale e normale che ognuno segua le proprie passioni ed inclinazioni, senza essere giudicato.”

“Mi ripropongo di fare bene e di essere di aiuto e di supporto alla squadra, puntando a crescere e migliorarsi di volta in volta, senza fissarsi un particolare obiettivo.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *