L’analisi di TCF – Il Milan sfida l’Hellas per l’ultima dell’anno


Dopo il successo di mercoledì scorso negli Ottavi di finale della Coppa Italia, grazie a un netto 4-1 ai danni dell’Inter nel derby meneghino, il Milan torna in campo domani in Serie A  – per l’ultimo turno del 2019 – andando a sfidare allo Stadio Olivieri di Verona l’Hellas

Un confronto che sulla carta vede favorite le rossonere, ma attenzione perchè dietro l’angolo vi sono numerose insidie per Giacinti e compagne.

Scaligere arrabbiate – In campionato le venete vengono da due vittorie, rispettivamente contro Orobica e Tavagnacco, ma in Coppa Italia sono state le uniche di Serie A ad essere state estromesse dalla competizione per mano del San Marino. Questo fattore potrebbe quindi aumentare la motivazione delle scaligere che, davanti ai propri tifosi, non vorranno collezionare un’altra brutta figura.

La vittoria che manca da quasi un mese e una classifica… – I pareggi contro Juventus e Fiorentina, la sconfitta contro la Florentia e il rinvio col Bari: quattro partite che complessivamente hanno rallentato la marcia di un Milan capace di vincere una sola volta negli ultimi trenta giorni, in casa (1-0) contro il Sassuolo. 
Al momento le ragazze di Ganz hanno quindi rallentato la loro marcia (17 pti) scivolando, con una partita in meno nel loro computo personale, al quarto posto alle spalle anche di Fiorentina (19 pti) e Roma (18 pti)

Glionna vs Longo: sfida fra giovani e “futuribili” azzurre – La ragazza del Verona (classe 1999), in prestito dalla Juventus, ha disputato una splendida prima parte di stagione andando a segno ben cinque volte in A rivelandosi come uno dei talenti più pronti e interessanti del nostro movimento. Di contro l’esterna offensiva, in questo momento fra le più in forma del roster guidato da Ganz. Ha trovato il primo gol  con la maglia milanista mercoledì scorso entrando  – contemporaneamente – nella storia della stracittadina meneghina, dal momento che ha realizzato la prima rete segnata da un 2000 nel derby, tra prima squadra maschile e femminile. Divenuta ora titolare, non sembra essere intenzionata a perdere il suo posto nello scacchiere tattico rossonero continuando a offrire prestazioni di alto livello.

Michele Cassano