News

Italia, Ct Bertolini: “Austria squadra forte e fisica, servirà grinta ed equilibrio”

11 Novembre 2022 - 08:15


Questo pomeriggio la Nazionale Femminile farà il suo debutto allo stadio ‘Guido Teghil’ di Lignano Sabbiadoro, che ospiterà le Azzurre – davanti a più di 1.500 spettatori – in occasione della loro ultima uscita ‘italiana’ dell’anno. Alle 17.30 (diretta su Rai 2) sulla strada della squadra di Milena Bertolini ci sarà l’Austria, reduce dall’ottimo percorso a Euro 2022, terminato ai Quarti di finale, che ha permesso alla selezione allenata da Irene Fuhrmann di raggiungere la 19ª posizione nel ranking Fifa (l’Italia è invece 14ª).

Nonostante la mancata qualificazione al Mondiale del 2023, svanita a causa della sconfitta con la Scozia nel playoff disputato a inizio ottobre, l’Austria rappresenta quindi un ottimo banco di prova per capitan Girelli e compagne, che da qui alla partenza per il torneo iridato, come richiesto dalla Ct, affronteranno solo avversarie di prima fascia.

“Nell’ultimo test contro il Brasile abbiamo fatto molto bene – ha dichiarato Milena Bertolini in conferenza stampa – domani dovremo ripartire dall’ottima organizzazione difensiva mostrata a Marassi, anche perché di fronte troveremo una squadra forte, molto fisica e intensa dal punto di vista del gioco. Le ragazze dovranno giocare con grinta, reggere l’urto nei contrasti ed essere brave a interpretare i diversi momenti della partita”.

Le Azzurre, che finora non hanno mai perso contro le austriache (quattro vittorie e un pareggio), cercheranno di chiudere l’anno con un doppio successo, ma prima di proiettarsi sull’impegno di martedì a Belfast con l’Irlanda del Nord (ore 20 italiane, diretta su Rai Sport + HD) sarà necessario superare il difficile ostacolo biancorosso.

“Entusiasmo e motivazione sono requisiti che ogni calciatrice deve avere per poter far parte della Nazionale. Quello che ci attende nei prossimi mesi sarà un percorso a tappe, in ognuna delle quali dovremo riuscire ad aggiungere qualcosa al nostro gioco: lavoreremo sulla fase offensiva e sulla ricerca dell’equilibrio di squadra per farci trovare pronte all’appuntamento mondiale”.

TCF

(Fonte: FIGC)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *