Genoa, Lucafò: “La Serie B un campionato che ti mette alla prova su tutti gli aspetti, che sorpresa il Napoli e Spyridonidou”

Genoa

Difensore classe 2003 in forza al Genoa Women, Sara Lucafò ha parlato ai microfoni di ‘Calcio Femminile Italiano’ analizzando il percorso della compagine rossoblù in Serie B e soffermandosi poi sulle sorprese più grandi che questa serie cadetta le ha rivelato. Queste le sue riflessioni: “L’approccio al nuovo campionato non è stato dei migliori. Non dovevamo sottovalutare nulla, inizialmente eravamo un po’ scoraggiate ma comunque volevamo continuare a dare il massimo e infatti qualche punto l’abbiamo strappato. Noi abbiamo iniziato a lavorare sempre di più per il nostro unico obiettivo con la mentalità vincente e giusta, abbiamo unito le forze di ciascuna in una sola e abbiamo dato il massimo in ogni partita.”

“Dopo la salvezza i primi pensieri sono stati, oltre all’immensa felicità, quelli di continuare sulla nostra strada, sempre con passione e allo stesso tempo sacrificio, di migliorare sempre di più su ogni aspetto. Mi porterò dentro un ricordo bellissimo, una grande emozione e gioia. Soprattutto l’ultima partita con una tifoseria del genere. Mi porterò il ricordo del nostro essere spensierate e festose a fine partita. Tutto questo grazie all’aiuto della società, dei mister e in particolar modo delle mie compagne che mi hanno dato tanta forza durante il percorso.”

“E’ stato un campionato intenso, con squadre molto competitive, un campionato non facile. È un campionato che ti mette alla prova su tutti gli aspetti e ti fa crescere a livello calcistico. La squadra che mi ha sorpreso di più è stata il Napoli, che è la squadra che ci ha messo più in difficoltà in questa stagione, mentre la calciatrice che mi ha impressionato di più è stata Spyridonidou Anastasia della Ternana, realizzare ben 29 gol non è facile. È stata una stagione molto concentrata e forte dove sono riuscita a imparare molte cose sia a livello tattico che caratteriale che mi porterò dentro nelle successive stagioni.”