News

Esclusiva TCF – L’Apulia è in B, Vicepres Uva: “Dicevano che potevamo arrivare quinte, poi che eravamo la terza incomoda e infine…”

6 Giugno 2022 - 13:15


E’ il motore dell’Apulia Trani. Con due ruoli, entrambi delicati: vice presidente e direttore sportivo. “Due ruoli che a volte vanno anche in contrasto”. Carlo Uva ha più di un motivo per festeggiare la promozione in Serie B della sua creatura.

“Diciamoci la verità, a inizio stagione nessuno, dico nessuno scommetteva su di noi. I più generosi dicevamo che potevamo arrivare quinti. Poi, quando abbiamo cominciato a vincere alcune partite hanno detto che potevamo essere la terza forza del campionato dopo Chieti e Res. Ma alla fine…”.

In B ci andate voi.

“Perchè ci abbiamo sempre creduto. Tutti. Io sono orgoglioso della squadra che ho costruito in estate e delle correzioni che ho fatto nel mercato invernale. La nostra è una società che non lascia niente al caso. Il presidente è l’avvocato Alessio Scarcella che ha idee e passione. Io sono il vice presidente e mi occupo di mercato. La nostra società sta attenta ai dettagli. Le ragazze sono seguite passo dopo passo”.

L’Apulia si sta strutturando a tutti i livelli.

“Abbiamo un centro sportivo, abbiamo realizzato una foresteria. Insomma cerchiamo di crescere insieme alla nostra squadra. Siamo orgogliosi di aver riportato il calcio femminile ad alti livelli nel nostro territorio dopo una vita. Ho ancora negli occhi le immagini di quaranta anni fa quando c’erano diecimila tifosi a vedere le partite del Trani. Nella penultima giornata di campionato abbiamo avuto duemila persone allo stadio. E stiamo parlando di Serie C. Il pubblico è una base importante dalla quale partire nella nostra nuova sfida”.

TCF (1 – segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *