News

Esclusiva TCF – Il Trento è in B, Valzolgher: “Non abbiamo la superbomber, la miglior difesa, una fuoriclasse ma siamo state il gruppo più forte: vi racconto come siamo andate in B”

7 Giugno 2022 - 12:20


E’ il portiere. E’ una leader. E’ un riferimento in campo e dentro lo spogliatoio. E’ una delle artefici della grande impresa del neo promosso Trento Femminile. Chiara Valzolgher parla con un filo di voce. “L’ho persa tutta domenica, urlando in campo e festeggiando al fischio finale”.

Avete realizzato un’impresa incredibile.

“Già, a inizio stagione non eravamo la squadra da battere. Le favorite erano altre. Il Vicenza, il nuovo Venezia. Formazioni costruite con altri budget. Costruite per vincere”.

Il momento in cui avete capito che potevate recitare un ruolo importante.

Quando siamo andate a vincere a Vicenza 2 a 1 recuperando dallo 0 a 1. Alla fine ci siamo dette: “Beh, allora possiamo giocarcela contro tutte”. E’ stata une bella iniezione di fiducia”.

Altro momento chiave?

“La vittoria contro il Venezia FC . Giocando bene. Contro il Venezia abbiamo conquistato quattro punti su sei”.

Terzo momento speciale?

“Quando abbiamo battuto l’Oristano giocando nello stadio di Trento. Lo stadio vero. Con tanta gente sugli spalti. Emozione allo stato puro”.

Quale è stato il segreto del Trento?

“Non abbiamo la superbomber, non abbiamo la difesa meno battuta, non abbiano una fuoriclasse assoluta ma abbiamo dimostrato sul campo di essere il gruppo più forte”.

La parata più bella?

“Contro il Portogruaro. Ho levato di porta un colpo di testa molto insidioso. Già, a Portoguaro abbiamo pareggiato una gara che forse meritavamo di perdere. Quel giorno il Vicenza ci ha sorpassato in testa eppure ho pensato subito che quel punticino alla fine sarebbe stato prezioso”.

TCF (1 – segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *