News

Dg Braghin a Goal: “Professionismo? Felici per le ragazze ma non è stato sviluppato un piano aziendale per sostenerlo, servirà l’aiuto del governo”

29 Giugno 2022 - 09:45


Stefano Braghin, Direttore Generale della Juventus Women, si è concesso ad una lunga intervista sulle colonne di “Goal” parlando della sua scelta di approdare nel mondo del calcio femminile e analizzando lo sviluppo giovanile in seno alla compagine bianconera. Queste le sue dichiarazioni:

“Sono arrivato allo Juventus nel 2012. Ho diretto la Primavera maschile fino al 2018, nel frattempo è partito il progetto femminile e poi ho dovuto scegliere tra i due. Ad un certo punto era necessario fare una scelta. Alla fine ho scelto la squadra femminile. Sono da parecchio tempo nel club, ma da poco nel campo femminile.”

“Nel 2015 la Federazione ha deciso che ogni club professionistico maschile doveva avere una squadra femminile. Era uno dei requisiti per partecipare alla Serie A al momento dell’iscrizione, quindi era proprio obbligatorio. Così siamo partiti di punto in bianco. Abbiamo organizzato degli open day. Una storia divertente è che al primo open day c’erano tre ragazze, una con le infradito. Si è partiti da qui e poi dopo sette anni abbiamo più o meno 200 giovani. Abbiamo nove squadre dall’under 9 all’under 19. Tutte le categorie sono coperte. Ciò significa molto in 7 anni. Credo che stiamo offriamo loro un ottimo servizio, ma probabilmente significa anche che il calcio femminile sta crescendo molto velocemente nel nostro paese.”

“Il femminile era qualcosa di veramente nuovo. Penso che ci fosse più futuro. Idealmente, dopo 25 anni in questo settore, sento davvero di poter essere più d’aiuto sul lato femminile, nel trasferire ciò che ho imparato nella mia carriera, più che sul lato maschile. Probabilmente l’aiuto che posso dare ai ragazzi è inferiore a quello che posso fare per le ragazze. È un modo per restituire al calcio ciò che il calcio mi ha dato.”

“Quello che ho chiesto è che nelle categorie inferiori, Under 9, Under 10, Under 11, bisogna fare ancora quantità. Perché in Italia abbiamo solo più o meno 30.000 giocatori iscritti e gli altri Paesi ne hanno 300.000. Quindi, dai 9 al 12/13 anni, proviamo davvero a reclutare tutti coloro che vogliono giocare nel club. Poi, a partire dai 14 anni, quello che vorremmo fare è alzare la qualità e iniziare ad avere dei rapporti con le squadre locali.”

“Col l’avvento del professionismo si migliorerà in termini di sviluppo del gioco e, si spera, di sostenibilità, perché ora professionalità significa anche molti costi per i club. Non è stato sviluppato esattamente un piano aziendale su come sostenere tutto ciò. Sono un po’ preoccupato per come potrà funzionare senza l’aiuto degli organi di governo. Siamo un po’ in difficoltà in termini di numeri. Anche se siamo molto felici, ovviamente, per le nostre giocatrici.”

TCF (1 – segue)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *