Ct Germania Voss-Tecklenburg: “Il calcio femminile è un modello”


È attualmente al secondo posto del FIFA Women’s World Ranking, dietro solo agli Stati Uniti e prima selezione europea. La Nazionale femminile della Germania è sicuramente tra le più importanti nel panorama Mondiale. Della rosa tedesca e degli obiettivi futuri della Germania ha parlato la Ct Martina Voss-Tecklenburg. Queste le sue parole riportate da Calciofemminileitaliano:

Martina Voss-Tecklenburg, il tuo primo anno come coach della Nazionale Femminile Tedesca sta volgendo al termine. Quali sono le cose di porterai con te più importanti dell’anno?

“Ce ne sono molti. Abbiamo giocato 14 partite e ne abbiamo persa una. Alcuni potrebbero vederlo negativamente, ma la mia prospettiva è molto positiva perché quest’anno abbiamo fatto molti progressi. Il nostro personale di coaching è cresciuto e siamo cresciuti anche come squadra. Sarebbe giusto dire che la fine del Mondiale è arrivata un po’ troppo presto per noi. C’erano cose che ancora non avremmo potuto sapere, come il modo in cui le giocatrici avrebbero affrontato sotto tanta pressione o quali giocatrici avrebbero lavorato meglio in determinate posizioni per ottenere i risultati desiderati. Da allora abbiamo potuto dedicare del tempo ad analizzare tutto ciò”.

E i tuoi risultati personali?

“C’è molto da fare quando incontri più di 200 nuove persone. Ho dovuto adattarmi a come opera la DFB e l’intera organizzazione è molto più grande di quella a cui ero abituata prima”.

Sembra una vera sfida, soprattutto in un anno di FIFA Women’s World Cup…

“È stato un anno impegnativo, ma anche molto emozionante e ricco. Sono davvero fortunata a poter fare questo lavoro”.

Ti senti ottimista per il nuovo anno, anche se la tua uscita dal Mondiale significa perdere le Olimpiadi?

“Potrebbe effettivamente essere una buona cosa per noi perché ci dà il tempo di costruire su ciò che abbiamo raggiunto. Non ha senso lamentarsene comunque. Abbiamo ancora molte belle partite in arrivo nel 2020, specialmente nella seconda metà dell’anno, quando affronteremo quattro avversari molto forti. Avremo anche la possibilità di vedere come alcuni delle giocatrici Under 20 che hanno già giocato nella Nazionale maggiore, gestiranno i Youth World Cup. Sarà un ruolo completamente diverso per loro. Con gli Europei all’orizzonte nel 2021, potrebbe essere positivo per le nostre giocatrici più affermati avere un anno senza tornei”.

Quanto è stata importante la partita di Wembley all’inizio di novembre quando la tua squadra ha vinto 2-1davanti a 78.000 spettatori?

“Non è stata solo una pubblicità per il gioco, ma anche un grande segno per il futuro. Ci darà anche grande fiducia se arriveremo agli Europei in Inghilterra”.

In precedenza hai detto che prima che le calciatrici possano avere “Equal Pay”, deve prima esserci “Equal Play”. Che cosa intendi con questo?

““Equal Play” significa per me che tutte le ragazze che vogliono giocare a calcio hanno l’opportunità di farlo. Ci sono ancora squadre, allenatori e funzionari che non vedono il calcio femminile come uguale e indipendente. C’è ancora molto per cui dobbiamo lottare. Inoltre, non possiamo parlare esattamente di “parità retributiva” perché le nostre strutture fondamentali sono diverse. Il calcio femminile non genera gli stessi introiti del gioco maschile. Dobbiamo pensarci in relazione a quello. Ma possiamo migliorare la questione dell’atteggiamento”.

La percezione generale?

“Sì. Qual è l’opinione della società sul calcio femminile? Dobbiamo continuare a enfatizzare i valori che sosteniamo. Non ci sono molti aspetti negativi nel nostro gioco. Giochiamo onestamente, in modo appassionato. E quando si tratta di questioni sociali, il calcio femminile è un modello in molti modi. Vediamo giovani donne che sono modelli di comportamento e che realizzano cose incredibili grazie alla loro doppia carriera. Dobbiamo concentrarci di più su questo”.

Perché è così difficile in Germania?

“Ha molto a che fare con le strutture sociali. Siamo molto diversi dagli altri paesi in termini di ruoli delle donne. Per molto tempo, il calcio è stato associato solo allo sport maschile in Europa. È molto diverso negli Stati Uniti, quindi non possiamo confrontare la loro situazione con la nostra. Non riesco a immaginare che le nostre giocatrici raggiungeranno presto lo stesso tipo di status che hanno loro, che le nostre tedesche guadagneranno da tre a cinque milioni di euro da enormi accordi di sponsorizzazione, saranno invitate a talk show, o che avranno lo stesso tipo di influenza sulle questioni sociali”.

È una possibilità per altri Paesi Europei?

“No, non al momento. Anche se forse stanno andando in quella direzione”.

Il calcio femminile professionistico full-time è il prossimo passo per la Bundesliga femminile da raggiungere?

“Sì, certamente. Il calcio maschile in Germania è incredibilmente ben strutturato. La Bundesliga è fantastica e il marketing è fantastico. Sarebbe l’ideale anche per il gioco femminile”.

Sei ben connessa alla Bundesliga maschile: senti un cambiamento nel modo di pensare?

“È difficile da dire. C’è sicuramente accettazione ma questo da solo non è abbastanza. Ci deve essere supporto”.

Tornando alla tua squadra: un certo numero di giovani hanno impressionato quest’anno. Vedi presto in arrivo lo sviluppo di giocatori come Giulia Gwinn, Klara Bühl e Lena Oberdorf?

“No, ma abbiamo sempre detto che avevamo bisogno di un piano per il futuro. Ci vuole tempo. È bello vedere che le giovani giocatrici hanno fatto così bene e sono cresciute a livello individuale”.

Uno dei membri del tuo team più esperti resterà fuori per un po’. Il portiere Almuth Schult aspetta un bambino.

“Non appena ha chiamato per dirmi che sarebbe rimasta a lungo, ho detto: “Sei incinta!” Sono molto felice per Almuth e suo marito. Sappiamo tutti quanto sia ambiziosa, ma la sua salute è la cosa più importante prima che possa tornare. Siamo in un buon momento per affrontarlo. La Germania non è a corto di buoni portieri”.

È giunto il momento per una madre nella squadra Nazionale?

“Certo. Ma dipende dall’individuo. Lo so io stessa – riguarda la salute dei tuoi figli a casa e chi hai per supportarti. Almuth ha una grande famiglia ma la sosterremo anche noi. Come coach che ha sperimentato la stessa cosa, sono sicura che ci concentreremo sempre sulla ricerca della soluzione migliore”.