News

Commento TCF – Reti e spettacolo a Roma, finisce 2-4 per una grande Juve

11 Dicembre 2022 - 16:20


Allo Stadio ‘Tre Fontane’ di Roma si sono affrontate per la terza volta in stagione le grandi favorite alla vittoria della Serie A, ovvero Roma e Juventus. Le giallorosse comandavano la classifica con 30 punti, dieci successi in undici incontri di cui otto di fila, mentre le bianconere inseguivano a meno sei, superate nella giornata di ieri anche dalla Fiorentina, seconda a quota 25.

Alla fine la Juventus ha dimostrato per l’ennesima volta la sua forza, vincendo 2-4 su un campo molto ostico. Le bianconere hanno confermato di essere la pecora nera delle proprie avversarie, avendo ottenuto con loro otto vittorie e un pareggio in Serie A. La Roma non è riuscita a sfatare il tabù, interrompendo la sua striscia positiva in una gara dove era anche andata avanti nel punteggio.

Nel primo tempo la partita è stata divertente e combattuta. I tanti tifosi presenti allo stadio hanno assistito al vantaggio casalingo dopo appena novanta secondi, con un’imbucata magistrale di Serturini su lancio di Giugliano. In generale la squadra di Spugna ha iniziato meglio il match, ma col passare dei minuti è stata la Juve a emergere. Sugli scudi Gunnarsdottir, che prima ha preso la traversa con una zuccata, poi sempre di testa ha mandato Beerensteyn in porta al quarto d’ora, con l’olandese che non si è fatta pregare e ha segnato l’1-1.

Peccato che la fragilità fisica continui a minare la stagione dell’islandese, costretta a uscire alla mezz’ora per Caruso. La squadra di Montemurro si è poi resa pericolosa con una botta di Lenzini, bravissima Ceasar, e poi ha siglato la rete del sorpasso con Girelli, lesta a deviare sottoporta una conclusione di Caruso. Il gol della rimonta è nato da una punizione contestata, per cui Serturini si è anche beccata il giallo per proteste.

Nella ripresa la Roma ha segnato di nuovo nei primi minuti, trovando il 2-2: Giacinti, sul filo del fuorigioco, ha colpito il palo di sinistro in area, sulla respinta Andressa ha messo dentro un bel gol. L’inerzia della partita è sembrata passare dalla parte delle capitoline, pericolose di nuovo con Giacinti e migliori nella prima parte del secondo tempo, ma al 67esimo la doppietta di Beerensteyn si è abbattuta come una doccia gelata sulle giallorosse.

Grosso, dopo aver recuperato un ottimo pallone a centrocampo, ha lanciato l’ala in velocità, andata in rete con un perfetto destro a giro appena entrata dentro l’area avversaria. È di fatto la rete che ha spezzato le illusioni della squadra di Spugna, colpita in un momento positivo e affondata dieci minuti più tardi, quando sugli sviluppi di un corner Julia Grosso ha trovato lo spiraglio giusto per chiudere la partita apponendo anche la sua firma sul match.

È finita dunque 2-4 la sfida del ‘Tre Fontane’, la Roma è rimasta in testa alla classifica, ma ha subito più gol oggi che in tutto il resto del campionato, interrompendo la sua imbattibilità esattamente a distanza di un girone. La Juve è tornata quella dei bei tempi, e ora le bastano tre punti per tornare nella sua posizione naturale.

Dario Damiano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *