News

Commento TCF – Primo punto per il Sassuolo, Juve sfortunata

24 Settembre 2022 - 12:50


La quarta giornata della Serie A femminile si è aperta allo stadio Enzo Ricci di Sassuolo, dove le padrone di casa hanno sfidato la Juventus campione d’Italia. Le neroverdi erano in cerca di riscatto dopo le tre sconfitte nelle prime tre, le ospiti venivano invece dall’ottimo 1-0 contro la Roma, ma con l’incognita Champions League, visto che in settimana si gioca il decisivo match contro il Koge, dopo l’andata terminata 1-1 in Danimarca.

Alla fine il match è finito in parità, 1-1, proprio come martedì. Bianconere molto meglio all’inizio, poi raggiunte nel secondo tempo e penalizzate da un rosso, un palo e due traverse. Dopo nove sconfitte nelle ultime dieci, il Sassuolo si è preso un ottimo punto che fa morale, al termine di una gara molto accorta.

Ci sono solo tre parole per definire il primo tempo: a senso unico. La Juve è stata padrona del campo, del gioco, del palleggio, non concedendo nulla al suo avversario. Dopo qualche tentativo iniziale, il vantaggio è arrivato sul primo tiro in porta: angolo splendido di Cernoia e colpo di testa letale di Girelli, al quinto gol in campionato e al nono al Sassuolo, la sua vittima preferita in Serie A.

La rete non ha scosso le emiliane, che hanno invece continuato a subire: sempre su corner di Cernoia, Pedersen ha sfiorato il raddoppio di testa ma ha colto la traversa, così come Girelli, di nuovo pericolosissima su calcio di punizione. Il Sassuolo, schierato con un 4-4-2 in linea, è apparso troppo basso e bloccato dietro, non riuscendo di fatto mai ad avvicinarsi a Peyraud-Magnin.

Piovani ha provato a invertire la rotta con un cambio offensivo all’intervallo, fuori Mella e dentro Monterubbiano. Un inserimento che ha dato i suoi frutti, poiché il Sassuolo ha tirato fuori la testa mentre la Juve ha abbassato un po’ troppo i ritmi. Da questi fattori nasce l’1-1 della squadra di Piovani: una combinazione tra Clelland e Monterubbiano ha mandato in porta Philtjens, che ha realizzato di prima con un ottimo inserimento. Montemurro ha subito reagito con un triplo cambio, anche in ottica Champions, e la Juve ha iniziato subito a macinare gioco di nuovo, alla ricerca del secondo gol.

Nel momento in cui tutti si preparano all’assalto finale, è arrivato il colpo di scena che nessuno si aspettava: la Juve è infatti rimasta in dieci, rosso diretto per Cernoia che ha perso il pallone a centrocampo andando poi in scivolata da dietro su Monterubbiano. Nonostante questo le ospiti ci hanno provato lo stesso, tra l’altro anche il Sassuolo nel recupero è rimasto in dieci per un rosso a Bragonzi, ma la fortuna oggi per loro è stata da un’altra parte: una punizione di Boattin ha colpito infatti in pieno il palo, il terzo legno per la squadra di Montemurro.

Finisce quindi 1-1, il Sassuolo ha preso il suo primo punto e risollevato il suo morale, mentre per la Juve è stato il secondo pareggio in quattro partite, anche se ora la testa andrà totalmente all’Europa.

Dario Damiano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *