News

Commento TCF – Pazza Roma, prima va sotto poi ribalta il St. Polten. È 2 su 2 in Champions!

26 Ottobre 2022 - 18:50


Dopo la prima storica vittoria europea contro lo Slavia Praga, la Roma Femminile si presenta sul campo del St. Polten da favorita. La squadra di casa arriva da una sonora sconfitta contro il Wolfsburg, ko comunque preventivabile. Spugna rimane fedele all’ormai collaudato 3-5-2, ma deve fare a meno di Glionna e Bartoli. Ai loro posti Serturini e Minami. Brancao-Ribeiro propone un 4-2-3-1 più intento a contenere che ad offendere.

L’inizio della Roma è più che promettente con Giugliano protagonista prima con un tiro secco, poi con una punizione che trova la testa di Haug, per poco Giacinti non trova la deviazione vincente. L’attaccante giallorossa non trova lo specchio della porta poco dopo su un assist al bacio di Serturini. Anche Wenninger cerca gloria, ma il suo colpo di testa fa solo la barba al palo. Giacinti, lanciata da Haug, spreca una buona chance a tu per tu con Schluter. Serturini sfiora un grande gol con un missile da fuori. Proprio quando la Roma è nel momento migliore, arriva la doccia fredda: Brunnthaler salta Minami che la mette giù, rigore che il capitano Eder realizza con precisione. Le giallorosse accusano il colpo e prima dell’intervallo producono solamente un’altra occasione con Wenninger.

La ripresa inizia nel peggiore dei modi: al 47′ il St. Polten raddoppia con Schumacher che deposita in rete un pallone respinto male da Ceasar e sul quale Minami non è la più lesta ad arrivare.  Balog salva un gol di Andressa già fatto, la Roma ci crede ma il St. Polten ha una difesa non facile da scardinare. Quando la sfera sembra non voler entrare, ci pensa Linari a sfruttare un tocco di Lazaro (appena entrata) e a bucare i guantoni di Schluter. Siamo al 75′ e due minuti dopo l’arbitro assegna un rigore alla Roma: Andressa calcia, Schluter devia sul palo, Giacinti è la più veloce a depositare in rete. Sulle ali dell’entusiasmo, la Roma colpisce ancora: Giugliano raccoglie una respinta corta, carica il destro e calcia da lontano, Schluter (fin lì perfetta) fa un disastro ed è tris giallorosso. Non è finita qui: Lazaro (entrata alla grande nella gara) si accentra da sinistra e tenta la conclusione, Schluter non è reattiva e la palla entra tra portiere e palo. All’89’ Mikolajova prova a riaccendere le speranze biancoblu, ma al fischio finale esulta la squadra di Spugna che ottiene una vittoria sudata, ma assolutamente meritata.

Al triplice fischio saranno 35 i tentativi offensivi giallorossi, contro i soli 11 delle avversarie. Una Roma sprecona, fino alla prima rete, che non avrebbe dovuto trovarsi in una situazione di doppio svantaggio. Dopo due giornate le giallorosse hanno sei punti e possono affrontare il Wolfsburg nella doppia sfida con più leggerezza e tranquillità.

Marco Cicali


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *