News

Commento TCF – Montagne russe Viola: vittoria per 3-2 contro un Como che si sveglia troppo tardi

4 Dicembre 2022 - 16:15


La Fiorentina torna da Como con una importantissima vittoria frutto di un avvio di gara eccezionale. Cinque minuti, tanti sono bastati alle calciatrici di Patrizia Panico per realizzare le due reti che hanno dato una direzione chiara al match. Una partenza che è stata un segnale davvero importante dato dalla squadra dopo il crollo casalingo della scorsa giornata contro il Milan. 

Dal primo all’ultimo componente dello staff viola c’era la voglia di dimostrare che quello con le rossonere era stato solo un incidente di percorso su una strada che, in questa stagione, sta scorrendo alla grande come classifica e risultati ottenuti. Di contro un Como che subisce l’avvio delle avversarie non riuscendo a parari i colpi. Va detto che due delle tre reti della Fiorentina nascono da gravi errori dei difensori della formazione di De la Fuente.

Il Como dimostra però nella seconda parte della ripresa tutto quello che si pensava ad inizio gara. Una squadra che ha fermato sul pari corazzate come Milan e Juve. Una squadra in salute, con alcune “ragazzine terribili” capaci di fare la differenza. Il coach delle comasche può quindi vedere il bicchiere mezzo pieno, la voglia di riscatto e di provare a rimettere in piedi per l’ennesima volta una gara in svantaggio c’è stata. Magari dovrà solo cercare di far accendere la luce alle proprie ragazze sin dal primo minuto alla prossima occasione.

Andando alla cronaca come detto la Fiorentina in meno di cinque minuti è già due a zero. Prima Kajan su assist di Boquete, dopo un errore di Rizzon, poi Longo, su gran cross di Parisi, battono Korenciova. Il Como è tutto in un destro di Beccari che Schroffenegger devia di piede in angolo. La Fiorentina potrebbe siglare il tre a zero già nella prima frazione ma Kajan, servita nuovamente da Boquete, a tu per tu con il portiere calcia a lato.

Nella ripresa complice un errore di Borini, Johannsdottir manda in porta Longo che non lascia scampo all’ex compagna in rossonero. La pratica sembra chiusa. Non per il Como che si rende conto che la gara è andata e si riversa in avanti alla ricerca del tutto per tutto. Arriva prima il gol di Karlenas, che appoggia tutta sola di testa a pochi passi dalla porta e poi quello di Beccari. Un destro chirurgico sul quale Schroffenegger non può nulla. Nel mezzo alle due reti una super parata del portiere viola sempre su Beccari ed una conclusione dal limite di Carravetta che finisce fuori. Nei minuti finali la Fiorentina fa valere la maggior esperienza e congela letteralmente la gara in modo tale che nel recupero il suo portiere non rischi nulla.

Il Como rimane in acque molto pericolose della classifica, le calciatrici di De la Fuente dovranno fare qualcosa per cercare di non arrivare alla seconda fase già con l’acqua alla gola. Il primo passo sarà quello di non iniziare a giocare con le avversarie già in vantaggio di due o tre reti. Un salto mentale necessario per cercare di raddrizzare il campionato e centrare l’obiettivo salvezza.

La Fiorentina lancia un ottimo segnale, pur rischiando nel finale. Le viola si regalano più emozioni del previsto in questo pomeriggio ma la classifica è davvero eccezionale per una squadra che l’anno passato si è salvata alla penultima giornata.

Lo scivolone della scorsa giornata è stato brillantemente dimenticato e coach Panico si aspetta per le prossime gare la stessa continuità dimostrata dalle sue ragazze nel girone d’andata.

TCF – Jacopo Calamai


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *