News

Cittadella, Colantuono: “Non ho più aggettivi per le mie ragazze, stanno facendo qualcosa di straordinario contro corazzate professionistiche”

22 Novembre 2022 - 15:20


Non si ferma la marcia vincente del Cittadella Women, che si conferma al secondo posto della classifica dopo la vittoria maturata domenica contro il Genoa. Un 3-0 finale maturato grazie alle reti di Kongouli, Begal e Ambrosi. Ecco le riflessioni nel post gara del tecnico delle venete Salvatore Colantuono:

“E’ stato un risultato netto, potevamo anche sfruttare qualche occasione in più, però non ho più aggettivi per le mie ragazze. Questo piccolo Cittadella domenica prossima si andrà a giocare una sfida importante a Roma contro la Lazio e questo mi riempie d’orgoglio. Queste ragazze stanno facendo qualcosa di straordinario. Siamo una società umile che principalmente deve pensare a salvare la categoria e il titolo, stiamo andando oltre ogni aspettativa.”

“So che è complicato andare a competere con delle corazzate, delle società professionistiche, che hanno tanti benefit, non nascondo la realtà dei fatti. Le mie ragazze non viaggiano con l’autobus griffato, non hanno la possibilità di girare in giacca e cravatta, hanno solo pochi giorni per andare in ritiro il sabato, rispetto ad altre squadre che possono andare sempre in ritiro. Non voglio dimenticare che siamo una delle poche realtà che si allena di sera, più tardi in assoluto. Prima delle 19:30/20:00 non riusciamo ad allenarci. Partiamo svantaggiate rispetto ad altre realtà che facendo un lavoro da professioniste a tutti gli effetti riescono a trarre vantaggio.”

“Ma il focus è sul rettangolo di gioco, loro si devono concentrare su quello che si fa in campo. Quando inizia un allenamento o una seduta video di analisi, lì si ferma il tempo, bisogna entrare in un altro mondo e quindi il nostro focus deve essere il rettangolo di gioco, sapendo quello che stiamo facendo. Vogliamo studiare giorno dopo giorno e cercare di migliorarci.”

“La nostra società, nonostante non abbia una realtà professionistica alle spalle, è una società che lavora molto bene con il Settore Giovanile, che è il nostro obiettivo principale. Quindi mi ha fatto piacere veder esordire col Genoa Orsini e Nucera, due ragazze molto giovani, Zanini è una 2005 già l’anno scorso girava in Prima Squadra, Beghal è una 2003 che già da tre anni gira in Prima Squadra. Ma ne abbiamo tantissime, facciamo combaciare la crescita del Settore Giovanile all’obiettivo classifica.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *